Claudio Garella è stato il portiere del Verona nell’anno dello Scudetto, successo che ha ripetuto anche nella stagione 1986/87 con la maglia del Napoli. Lui era il portiere e io il libero, ricordo che al termine della partita ci fermavamo spesso a studiare la gara appena giocata; le posizioni sul campo e i movimenti. Due scudetti da titolare(con due squadre molto eterogenee) non si vincono per caso. eguirono due stagioni con il Casale in Serie D e C con un gol all’attivo segnato su rigore. “Il pretore penale Alfredo Fino, ex sostituto della Procura di Napoli, si mischiò ai giocatori azzurri per tre trasferte consecutive, a cominciare da Milan-Napoli del 14 dicembre“ riferì poi Repubblica. Dopo un anno al Novara fu tesserato dalla Lazio con la quale rimase per due anni (sempre in panchina il primo, con trenta presenze il secondo). Dotato di buone doti fisiche, è stato costantemente discusso nella sua carriera per lo stile decisamente poco ortodosso del suo suo gioco. A 30 anni da questo traguardo, l’estremo difensore è stato intervistato da EuroCalcio24 e ha ricordato alcuni momenti della sua carriera. Il portiere del Napoli Claudio Garella La Federcalcio però volle vederci chiaro e infiltrò investigatori nella squadra. Ferlaino ,ubbidì, e lo acquisto. Senza mani, però». «Dopo scudetto e Coppa Italia, col Napoli avremmo potuto fare il bis l' anno successivo - dice il portiere -.Invece perdemmo il campionato sul filo di lana. Garella capisce che deve fare le valigie. «Vivo dimenticato – si sfoga -. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. A modo suo, è chiaro. Claudio Garella, il più originale dei numeri uno. E’ un po’ ingrassato, ma non è che sia mai stato un figurino. E' un bene per il Napoli avere tutti a disposizione. Saranno immediatamente rimossi. Fu ceduto, quindi, alla Sampdoria in B dove militò per tre stagioni. «Sono stato un portiere anomalo – riconosce il protagonista della storia -, nessun allenatore ha cercato di cambiarmi. Si ritirò dopo il campionato 1990-1991 giocato in cadetteria con la maglia dell'Avellino, collezionando 2 presenze e subendo 2 reti[2], per un brutto infortunio subito nell'autunno del 1990. Non so se mi spiego. Nel 2011 ricopre l'incarico di preparatore dei portieri del Pergocrema. Tutto sommato non c’è da lamentarsi, poco tempo fa Garella era d.s. Oggi avvicinarsi a Messi o Cristiano Ronaldo è un’utopia, e intervistare il portiere di riserva di un medio club di serie A richiede doti da ambasciatore, talento burocratico, sventagliate d’occhiolini all’addetto stampa. Non solo, avevo un mio codice. [3][4][5], Debuttò in Serie A nel corso del campionato 1972-1973 con la maglia del Torino (gara contro il Lanerossi Vicenza). [2], Dopo l'esperienza sotto la Lanterna passò all'Hellas Verona allenato da Osvaldo Bagnoli, con il quale partecipò alla storica conquista dello scudetto nella stagione 1984-1985. Garella, però, restò in alta quota e a Verona convinse un giornalista dell’«Arena» a cambiargli il nome d’arte: «Garellik», scrissero sul giornale locale per lodare certe parate non contemplate dai sacri testi, e cominciò un’altra carriera, così diversa che Diego Maradona convinse Ferlaino presidente del Napoli a prendere Garella. Si ritirò dopo il campionato 1990-91 giocato in B con la maglia dell’Avellino. Senza mani, però», Era famoso per la tendenza a parare con ogni parte del corpo, in uno stile poco ortodosso ma efficace,[4][5] soprattutto nelle uscite basse. Profilo di Claudio Garella, Italia Calciatore ritirato Portiere Ultima squadra US Avellino * 16/mag/1955 a Torino, Italia Giuliano difende la porta del Napoli per due stagioni, le quali si concludono con due trofei non banali: la Coppa Uefa dell’89 e lo scudetto del 1990. Galli, Zenga, Tancredi. Copyright © 2020 | MH Purity WordPress Theme by MH Themes, Apri un sito e guadagna con Altervista - Disclaimer - Segnala abuso - Notifiche Push - Privacy Policy - Personalizza tracciamento pubblicitario, Giovanni Koetting: Confesso che ho segnato, Massimo Tarantino: la sua banda suona il rock. Uscite spericolate, uso costante dei piedi per parare, scatti di riflessi prodigiosi, le parate eccezionali (in un Verona-Udinese parò con il sedere e in un Udinese-Cremonese in rovesciata) alternate a errori clamorosi (le cosiddette garellate) lo resero un personaggio popolare, sul quale i giudizi degli appassionati erano estremamente discordanti, così come i soprannomi con cui era noto: “Paperella” per i suoi critici, ma anche il ben più gratificante “Garellik” da parte dei suoi estimatori. Per vincere la Champions, per Buffon, ci vuole "furia agonistica". [2] Seguirono due stagioni con il Casale in Serie D e Serie C con un gol all'attivo segnato su rigore. Claudio Garella, il più originale dei numeri uno. Vinse scudetti in città che mai ne avevano vinto (Verona e Napoli). Oggi, il pane è un po’ duro. Fu prescelto da Diego Maradona. La raccomandazione del «Pibe», altro attestato per pochi. E attese, infinite. Usando i piedi ho interpretato il … Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Giuliani arrivò a Napoli dal Verona per sostituire il partente Garella, portiere di grande spessore e ottimo pararigori infatti fu l'unico portiere a parare ben due rigori a Maradona. Garella lavora per il Canavese, serie D girone A. Fa l’osservatore, si occupa di mercato. «A quei tempi la concorrenza era forte. E Garellik parava. Ricordo ciò che disse Italo Allodi, il manager che mi portò al Napoli: “L’importante è parare, non conta come”». «Noi del Canavese (squadra di San Giusto, paese vicino a Ivrea, ndr) lottiamo col Savona per la promozione in C2. Reduce da un gran bel torneo, nell'estate 1985 Giuliani viene scelto dal Verona per rimpiazzare Claudio Garella, il portiere dello Scudetto scaligero, ceduto al Napoli. [7] Nella stagione 2012-2013 diventa allenatore della squadra giovanile juniores del Cit Turin. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. NAPOLI - Il portiere azzurro David Ospina ha rilasciato alcune dichiarazioni in occasione dei suoi impegni con la nazionale colombiana, come riporta il Corriere dello Sport: "Il Napoli? Vinse scudetti in città che mai ne avevano vinto (Verona e Napoli). Avevamo un rapporto bellissimo. Chi ne delira va compreso, non compatito; e va magari invidiato. Meret? Devo dare il massimo per convincere l'allenatore, sono qui per giocare, come devono fare tutti. [email protected]. Il portiere che parava con piedi, pancia e chiappe. Claudio Garella (Torino, 16 maggio 1955) [8] Il 26 settembre 2013 subentra come allenatore della prima squadra del Barracuda in Prima Categoria. L’ex portiere Claudio Garella, che tanti ricordano come Garellik, racconta i suoi ricordi a Il Giornale. [2] Garella risulterà determinante in più partite, specialmente in Roma-Verona del 21 ottobre 1984, in cui mantenne la porta inviolata con una serie di interventi decisivi. Non mi sono inginocchiato davanti a nessuno, non frequento i giri giusti». “Ospina è cresciuto, così come è cresciuto tutto il Napoli di partita in partita, aveva soltanto evidente bisogno di conoscere la difesa, così come i difensori avevano bisogno di conoscere lui per interagirci. Il portiere che parava con piedi, pancia e chiappe. Garella gioca ancora, nella Wineland, rappresentativa messa su per fare beneficenza e reclamizzare i prodotti enogastronomici dell’Astigiano e del Monferrato, che assieme alle Langhe rappresentano il cuore contadino del Piemonte. Claudio Garella (Torino, 16 maggio 1955) è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo portiere. [6], Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Claudio Garella, voglio un'uscita spericolata, Prima Categoria / Claudio Garella nuovo tecnico del Barracuda, http://www.toronews.net/print.php?ID=29630, https://web.archive.org/web/20120729033538/http://www.ilcorrieresportivopiemonte.it/index.php/giovanili/item/1262-claudio-garella-al-cit-turin, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Claudio_Garella&oldid=114592682, Errori del modulo citazione - citazioni con URL nudi, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. [2] Dopo due prestazioni mediocri contro il Lens nelle coppe europee e contro il Vicenza in campionato, Garella fu contestato dalla tifoseria biancoceleste, che cominciò anche a soprannominarlo Paperella. Il calcio è davvero il gioco più bello del mondo per noi che abbiamo giocato, giochiamo e vediamo giocare", Per collaborare, comunicare o inviare nuove storie, scrivere all’indirizzo Claudio Garella (Torino, 16 maggio 1955) è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo portiere. Istinto? Fu prescelto da Diego Maradona. "Il calcio è straordinario proprio perchè non è mai fatto di sole pedate. Embé? Dategli una chance, che Garellik se la caverà. Uno dei portieri (almeno considerando i titolari perchè di panchinari mi vengono in mente Fiore e Ceriello tra i peggiori in assoluto) più scarsi è da menzionare sicuramente Mattolini. "Giuliani era venuto a sostituire Garella, cosa tra l'altro non facile ed è stato bravissimo nel non farlo rimpiangere. Dopo una “rivolta” mai ben chiarita, che lo vide protagonista con Ferrario, Salvatore Bagni e Bruno Giordano contro l’allenatore Ottavio Bianchi, venne ceduto all’Udinese allora militante in Serie B. Claudio Garella: il racconto di Bruscolotti . È sposato con Laura e ha due figlie, Claudia (classe 1975) e Chantal (classe 1985). Sono orgoglioso della mia carriera, sono stato il portiere del più grande». Claudio Garella, l'ex portiere che tra i pali del Napoli vinse lo scudetto 86-87, vede nel tecnico degli 'azzurri' il pibe de oro attuale, capace di far sognare un'intera citta'. Portiere: Termine carriera ... Giuliani quindi - ironia della sorte - fu ancora una volta chiamato a sostituire Garella, questa volta al Napoli. Si guadagnò una battuta dell’Avvocato Agnelli, privilegio a non molti riservato: «Garella è il più forte portiere del mondo. [4], Nell'estate del 1985 passò al Napoli col quale vinse un altrettanto storico scudetto e la Coppa Italia 1986-1987. [9], È stato direttore sportivo di una squadra dilettantistica di Pecetto Torinese, in provincia di Torino, militante in Promozione, e successivamente osservatore della Canavese, compagine di Serie D.[2][3] Nel 2015 è dirigente del Barracuda. Oggi c’ è Buffon e stop». Raffaele Di Fusco, ex portiere del Napoli, ha parlato a Radio Kiss Kiss Napoli. Niente moduli, forma fisica, giocatori chiave o fortuna. Spiegazioni? del Pecetto, Torino, in Promozione. Le uscite basse erano spettacolari, Claudio allargava le manone avvolte in guanti enormi e poi deviava il pallone con la trippa o la punta di una scarpa o il lembo di un orecchio. «Ero un portiere controcorrente, diverso dai portieri “belli da vedere”, ma non meno efficace di loro. Dopo l’esperienza con i blucerchiati passò al Verona allenato da Osvaldo Bagnoli con il quale fu protagonista della storica conquista dello scudetto nella stagione 1984/85. Parate di Garella nella stagione 84/85 dello scudetto gialloblu in cui gli venne affibbiato il soprannome di Garellik. Sono direttore sportivo diplomato a Coverciano e da anni aspetto una telefonata che non arriva. [2][3] Fu ceduto, quindi, alla Sampdoria in Serie B, dove militò per tre stagioni,[2] totalizzando in totale 113 presenze e 97 gol subiti in maglia blucerchiata. Di piede, come all’oratorio? NAPOLI - Nessun commento sulle polemiche dopo la vittoria in Coppa Italia contro il Napoli allo Stadium. Siamo secondi in un girone di ferro, con Casale e Alessandria». Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Ferlaino epura Claudio Garella e con lui tutti i fedelissimi di Maradona, per far capire al “Pibe de Oro” chi comanda nel Napoli calcio. Così Garella dopo la festa scudetto, si raccontava a Gianni Mura – che lo chiamava Compare Orso –. Ma il Milan di Sacchi lo meritò». Barracuda, squadra di Prima Categoria. Napoli, c'è già il Rijeka dietro l'angolo: per Ospina ancora lavoro in palestra Redazione Web. [2], Dopo un anno al Novara fu tesserato dalla Lazio con la quale rimase per due anni: nel primo fu sempre in panchina perché chiuso da Felice Pulici, mentre l'anno successivo divenne titolare, totalizzando 29 presenze, grazie alla fiducia accordatagli dal tecnico biancoceleste Luís Vinício. Debuttò in Serie A nel corso del campionato 1972-73 con la maglia del Torino (gara contro il Vicenza). Con i partenopei vinse la Coppa UEFA 1988-89 e il campionato 1989-90; successivamente passò all'Udinese, per raccogliere ancora una volta l'eredità di Garella. Garella non era un portiere da nazionale, ma era un buon portiere. Ospina simile al mio ex compagno di squadra […] Passione a pacchi, denaro quanto basta per campare. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 29 lug 2020 alle 06:15. Alex è un talento, dobbiamo farci trovar pronti. Ex di Verona e Napoli, con cui vinse scudetto e Coppa Italia. Riportiamo la testimonianza di Giuseppe Bruscolotti su Claudio Garella; il Capitano azzurro così ricorda: Quando Claudio Garella venne a Napoli, conoscevamo già tutto di lui: un portiere molto bravo ed efficace, ma mai una parata plastica, tendeva sempre a non bloccare il pallone. [2], «Garella è il più forte portiere del mondo. Beppe Viola, giornalista Rai degli anni Settanta, si diverte a miscelare parole e a lui si deve il primo neologismo dedicato al portiere. S Un rammarico: mai una presenza in Nazionale. Nell’estate del 1985 passò al Napoli col quale vinse un altrettanto storico scudetto e una Coppa Italia nella stagione 1986-87. Ai ragazzi piaceva perché incarnava il portiere in teoria alla portata di tutti. Una Coppa Uefa, uno Scudetto, tante belle parate.Il portiere più vincente della storia del Napoli è da molti, soprattutto i più giovani, dimenticato.Giuliano Giuliani è stato protagonista, assieme al predecessore Garella, degli anni d’oro degli azzurri, gli anni in cui potevano trovarsi spesso a primeggiare in Europa e in Italia. [3] Talvolta criticato per alcuni errori definiti «garellate» da Beppe Viola,[3][4] seppe rispondere agli scetticismi contribuendo con ottime prestazioni allo scudetto vinto dal Verona nel 1985, venendo ribattezzato da lì in avanti con un nomignolo da supereroe, Garellik. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. [2] Dopo una "rivolta" mai ben chiarita, che lo vide protagonista insieme a Ferrario, Salvatore Bagni e Bruno Giordano contro l'allenatore Ottavio Bianchi, venne ceduto all'Udinese in Serie B.[2]. Al momento i suoi sono gli orizzonti di un treno interregionale: Beppe Viola era un giornalista Rai degli anni Settanta, si divertiva a miscelare parole e a lui si deve il primo neologismo dedicato a Claudio. Si guadagnò una battuta dell’Avvocato Agnelli, privilegio a non molti riservato: «Garella è il più Il grande calcio si è scordato di me e non so perché. La Lazio siamo noi ha incontrato l'ex portiere dei biancocelesti Claudio Garella, famosissimo negli anni 80 e vincitore di due campionati in piazze non certo facili come Verona e Napoli.Come di consueto riportiamo i tratti più interessanti, dove parla del suo presente, commenta le prime prestazioni di Carrizo e giudica l'attuale situazione dei portieri: «Garellate», sentenziò Viola una domenica per sottolineare un paio d’errori del nostro, che stava alla Lazio. A Roma sono feroci e in un amen eruttarono l’appellativo: «Paperella!», strillò un laziale, e sembrava l’inizio della fine. ... Napoli-Samp 2-1, pagelle / È Lozano a vincere la partita, non il Napoli. Maradona ,spesso, diceva a Ferlaino che, Garella era un grande portiere. [6] In carriera ha totalizzato complessivamente 245 presenze in A e 218 in B. Prima allena a Torino l'U.S.D. Maradona lo testava sulle punizioni, in allenamento: «Ogni tanto qualcosa prendevo, non so come, e Diego se la rideva. Garella, il portiere che accomunò Verona e Napoli fotogallery. Alla Lazio lo chiamavano Paperella, perché i gol presi per errori suoi (anche clamorosi) erano diventati troppi, al Verona e al Napoli però Claudio Garella diventò Garellik, riuscendo nell’impresa di vincere due scudetti in due piazze dove il tricolore non s’era visto mai.Parava con i piedi, con le ginocchia, con tutte le parti del corpo: usciva poco (e male) eppure era efficace. Essendo ancora molto giovane, Garella incappa in alcune partite dove non ha un buon rendimento. Coppa Intercontinentale/Mondiale per Club, Claudio Garella: la rivincita di Garellik, TRAPATTONI Giovanni: il viaggio del Maestro, 1981: L’Inter e lo “Scandalito Argentino”.

Disegniamo O Disegnamo, Chi Detiene Il Debito Pubblico Italiano 2019, Traccia Musicale In Inglese, Nuovo Allenatore Milan 2019 20, Rosa Bologna 2020/21, Strategia Militare Università, Parodia Ipantellas Karaoke, Raiplay La Smorfia, Il Gatto E La Gabbianella Pdf, Outro Niente Di Speciale Testo Genius, Hinterland Di Milano, Calciatore Che Una Volta Aveva La Maglia Numero 12, Coppa Italia 1990, Bootleg Milano Menu,